24.09.20

L’AEROPORTO DI MILANO BERGAMO SI CANDIDA A DIVENTARE “BIKE FRIENDLY”

Lo sviluppo infrastrutturale dell’Aeroporto di Milano Bergamo sempre più orientato al profilo di intermodalità articolata che va dal progetto del collegamento ferroviario con l’aerostazione all’estensione della rete di accessibilità attraverso la ramificazione delle piste ciclabili.
Obiettivi contenuti nel Piano di Sviluppo Aeroportuale al 2030 e richiamati dal presidente di SACBO, Giovanni Sanga, a margine della fiera dei territori AGRI TRAVEL, nel cui contesto si è svolto il webinar internazionale sul tema “MOBILITÀ E ACCESSIBILITÀ”. Grazie all’impegno assunto da SACBO per la creazione di un anello perimetrale ciclabile, che valorizzi i tratti di viabilità minore e campestre e consenta la connessione con i percorsi ciclo-pedonali del territorio, lo scalo bergamasco si candida a diventare il primo “aeroporto Bike Friendly” in Italia.
“SACBO prosegue nel piano di investimenti per l’esecuzione delle opere in programma con l’obiettivo di offrire spazi sempre più adeguati alle esigenze di passeggeri e operatori, implementando anche la serie dei servizi legati alla mobilità – ha dichiarato Giovanni Sanga – Saremo pronti al graduale ritorno del traffico aereo ai livelli pre-Covid, allo scopo di garantire piena efficienza in chiave operativa e offrendo motivi e opportunità in più per preferire l’aeroporto di Milano Bergamo come punto di riferimento per accedere al territorio lombardo”.
SACBO ha provveduto nel 2017 al prolungamento, verso l’area a sud dell’autostrada, del tracciato ciclo-pedonale che collega l’aeroporto al comune di Orio al Serio e alla città di Bergamo. Il Piano di Sviluppo Aeroportuale prevede una serie di interventi di completamento dell’anello ciclabile attorno al sedime dell’aeroporto, con l’obiettivo di garantire l’accessibilità ciclo-pedonale da e per l’area aeroportuale, non solo a beneficio dei passeggeri ma anche in risposta alle esigenze di mobilità di quanti svolgono attività lavorative nello scalo (che comprendono ogni giorno in media 5mila persone potenzialmente interessate alla mobilità alternativa).
L’Aeroporto di Milano Bergamo, che ha avviato fin dal decennio scorso il programma di interventi per abbattere le emissioni di CO2, si appresta a ottenere il livello 3 della certificazione Airport Carbon Accreditation, rilasciata da ACI Europe (Consiglio Internazionale degli Aeroporti Europei).

23.09.20

MODALITA' DI ACCESSO NOTTURNO AL TERMINAL

A causa di interventi notturni di sanificazione, in ottemperanza alle misure di prevenzione previste dal protocollo anti-Covid 19, il terminal potrebbe non essere accessibile tra le ore 00.00 e le ore 04.00.

22.09.20

RYANAIR HA ANNUNCIATO L’INCREMENTO DI VOLI SU 4 ROTTE NAZIONALI

Ryanair ha annunciato l’incremento di voli su 4 rotte nazionali operate dal nostro aeroporto a partire dal prossimo 9 ottobre. Le frequenze aggiuntive riguardano i voli da Milano Bergamo, con destinazione Bari (che passa da 12 a 14 frequenze settimanali), Catania (da 14 a 18), Napoli (da 11 a 13) e Palermo (da 14 a 18).

25.08.20

BLUE PANORAMA ATTIVA IL COLLEGAMENTO DIRETTO DALL’ITALIA PER IL SENEGAL

Blue Panorama Airlines, compagnia aerea di bandiera italiana, dal 23 ottobre collegherà l’Italia con il Senegal. Partiranno, infatti, dall’aeroporto di Milano Bergamo i voli diretti di andata e ritorno per Dakar.
Tutti i lunedì e i venerdì dal 23 ottobre 2020 al 29 ottobre 2021, da Milano Bergamo alle 18:30 con arrivo a Dakar alle 22:40 e il ritorno da Dakar alle 23:40 con arrivo a Milano Bergamo alle ore 07:20 local time.
Con il passaggio dall’ora legale all’ora solare, dal 26 ottobre 2020 al 26 marzo 2021 l’orario in arrivo e in partenza da Dakar cambia: partenza da Milano Bergamo alle 18:30 con arrivo a Dakar alle 23:40 e ritorno da Dakar alle 00:40 con arrivo a Milano Bergamo alle 07:20, sempre local time.
In estate al lunedì e al venerdì si aggiungerà anche il mercoledì.

17.07.20

SACBO CELEBRA I 50 ANNI DI FONDAZIONE

Cinquant’anni fa, il 16 luglio 1970, nella sede della Camera di Commercio di Bergamo, veniva costituita la Società per l’Aeroporto Civile di Bergamo Orio al Serio – SACBO. Un atto che concludeva un iter iniziato due anni prima quando si pensò di dare vita all’attività di aviazione civile sul preesistente aeroporto militare sorto nel 1939.
Protagonisti di quella fase costituente furono Attilio Vicentini, allora presidente dell’ente camerale, che sarebbe diventato primo presidente di SACBO; Giacomo Pezzotta, che era sindaco di Bergamo; Giovanni Giavazzi, presidente della Provincia di Bergamo; Gianni Porfidia, sindaco di Orio al Serio; Bernardi Sestini, presidente dell’aeroclub Taramelli; Carlo Pesenti, presidente di Italcementi.

Un anno dopo l’atto di costituzione di SACBO, il 16 luglio 1971, il Consiglio Superiore dell’Aviazione Civile diede parere favorevole all’inizio dei voli, consentendo di operare i collegamenti con Roma, Cagliari, Alghero e Catania.
Il primo volo civile venne effettuato il 21 marzo 1972, con il decollo del DC9 Itavia diretto a Roma Ciampino sulla pista che allora misurava 1.800 metri e alla fine del decennio successivo sarebbe stata allungata progressivamente a 2.800 metri.

Nel 1999 l’aeroporto di Orio al Serio superava per la prima volta la quota annua di un milione di passeggeri.
La svolta nel traffico passeggeri porta la data del 14 febbraio 2002, giorno di San Valentino scelto da Ryanair per inaugurare le operazioni sull’Aeroporto di Orio al Serio, con un volo da Francoforte Hahn a bordo del quale si è celebrato un matrimonio.
Nel 2003, anno in cui Ryanair ha aperto la sua base operativa, il movimento passeggeri è psssato da 1,2 a 2,7 milioni avviando una crescita senza soluzione di continuità fino a sfiorare i 14 milioni a fine 2019.